Ricette ceci

3 gustose ricette da fare con i ceci

Piatti gustosi da preparare con i ceci ce ne sono tanti, io ho scelto i tre più classici: la pasta con i ceci, l’hamburger di ceci e la classica farinata. Vediamoli insieme.

Burger di ceci

L’hamburger è forse il piatto più amato e imitato al mondo e la sua versione tradizionale prevede la carne di manzo e l’immancabile accompagnamento di patatine fritte e salse sfiziose. Accanto a questa intramontabile ricetta, sono apparse innumerevoli varianti, fra cui quelle vegetariane o vegane, come i burger di ceci. Prepararli in casa, frullando tutti gli ingredienti nel mixer, è davvero semplice e veloce. Si tratta di un secondo piatto alternativo e gustoso che piace a tutti, non soltanto a chi è vegetariano o vegano e, come tutti i burger che si rispettino, potrai gustarli nei classici e sofficissimi panini (burger buns) con insalata, pomodori e salse a tuo piacimento.

PREPARAZIONE: 20’

COTTURA: 5’

PORZIONI: 8 pezzi

DIFFICOLTÀ: bassa

COSTO: basso

 

INGREDIENTI (per 8 burger):

  • 500 grammi di ceci lessati
  • 2 uova medie
  • 25 gr. di senape
  • 1 scalogno
  • 5 gr. di zenzero fresco da grattugiare
  • 35 gr. di pancarrè
  • 50 gr. di pangrattato
  • sale fino q.b.
  • pepe nero q.b.

PER SERVIRE:

  • 8 panini da hamburger
  • insalata q.b.
  • pomodori q.b.
  • salsa ketchup q.b.
  • maionese q.b.

PREPARAZIONE:

  1. Per prima cosa taglia a cubetti il pancarrè;
  2. poi monda lo scalogno e affettalo finemente;
  3. scola i ceci precotti dal liquido di conservazione;
  4. versa i ceci nel mixer e aggiungi il pancarrè, le uova sbattute e la senape;
  5. incorpora lo scalogno, grattugia lo zenzero e aggiungi sale e pepe;
  6. frulla tutti gli ingredienti fino a quando non otterrai un composto omogeneo e piuttosto compatto;
  7. trasferisci l’impasto in una ciotola e aggiungi il pangrattato;
  8. ora forma i burger prendendo una porzione di impasto e modellandola fino ad ottenere una polpetta schiacciata;
  9. quindi procedi con la cottura: scalda una piastra e quando sarà ben calda, griglia i burger per un paio di minuti rigirandoli, fino a quando si staccheranno e avranno formato le tipiche striature su entrambe i lati;
  10. ora puoi scaldare i panini e farcirli con i burger di ceci, l’insalata fresca e qualche fetta di pomodoro;
  11. puoi condire con le tua salsa preferita.

 

CONSERVAZIONE:

Gusta i burger di ceci appena preparati o, in alternativa, puoi conservarli da crudi per un giorno in frigorifero. Se hai utilizzato tutti ingredienti freschi, puoi anche congelarli.

CONSIGLI:

Se non gradisci il gusto della senape puoi ometterla, avendo cura di aggiustare la consistenza dell’impasto aggiungendo del pangrattato, se necessario.
Puoi arricchire i burger come preferisci: con curcuma, curry, o sostituendo lo scalogno con l’aglio, o ancora aggiungendo erbe aromatiche a piacere come erba cipollina o rosmarino.

Pasta e ceci alla romana

A Roma e dintorni “pasta e ceci” è un piatto tradizionale molto amato e diffuso che piace a grandi e piccini. Ricco di proteine e ferro, cremoso e saporito è molto facile da preparare, oltre che economico. Anche se si tratta di un piatto più adatto alla stagione fredda, in realtà io amo prepararlo anche in estate e lasciarlo raffreddare per gustarlo tiepido, quasi freddo. Puoi scegliere la densità che preferisci, cuocendo la minestra più o meno brodosa a seconda di quanta acqua aggiungerai per cuocere la pasta e puoi scegliere il formato di pasta che più ti piace tra: maltagliati, ditalini o ditaloni rigati (i miei preferiti) o casarecce.

PREPARAZIONE: per l’ammollo dei ceci secchi 12 ore

COTTURA: 60’ circa per lessare i ceci e 30’ per la cottura della minestra

PORZIONI: 4 persone

DIFFICOLTÀ: bassa

COSTO: basso

 

INGREDIENTI (per 4 persone):

  • 300 gr di ceci secchi
  • 200/250 gr di ditaloni
  • 4 cucchiai di olio EVO
  • 2 acciughe sotto sale
  • 1 spicchio di aglio
  • 2 rametti di rosmarino
  • 5 foglie di salvia fresca
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • sale fino q.b.
  • pepe nero q.b.

PREPARAZIONE:

  1. La sera prima di preparare la tua pasta e ceci alla romana, versa i ceci secchi all’interno di un tegame capiente e coprili totalmente di acqua fredda, arrivando quasi al bordo della pentola, e lasciali in ammollo per 12 ore, tempo in cui dovranno ammorbidire, aumentando anche di volume;
  2. la mattina seguente unisci un rametto di rosmarino e portali a bollore, lessandoli per circa un’ora, fino a quando all’assaggio risulteranno morbidi ma non sfatti. Tieni conto che in seguito dovranno cuocere un altro po’ insieme alla pasta;
  3. una volta lessati i ceci, scolali e sciacquali sotto l’acqua corrente fredda, quindi lasciali da parte;
  4. in un tegame grande e capiente (meglio se di terracotta) versa l’olio extra vergine di oliva e fai dorare uno spicchio d’aglio insieme ad un rametto di rosmarino e qualche foglia di salvia (puoi mettere salvia e rosmarino legati con uno spaghetto alimentare, così da toglierli facilmente in seguito);
  5. sciacqua, spina e spezzetta le acciughe sottosale, quindi uniscile facendole squagliare lentamente nel soffritto, mescolando;
  6. aggiungi un cucchiaio colmo di concentrato di pomodoro e mescola per bene;
  7. ora aggiungi metà dei ceci, mescola per far insaporire tutto e unisci dell’acqua calda fino a coprirli, lasciando cuocere per circa 10-15 minuti;
  8. spolvera con una ricca macinata di pepe nero e aggiusta di sale;
  9. nel frattempo frulla l’altra metà dei ceci con un filo di olio e un dito d’acqua calda, fino a renderli cremosi, e lasciali da parte;
  10. trascorsi i dieci minuti di cottura, unisci la crema di ceci che conferirà più cremosità alla minestra, mescola e tuffa la pasta. Prima di aggiungere la pasta, valuta se versare altra acqua calda: questo infatti è il momento in cui decidere il grado di consistenza della pasta e ceci, se più brodosa o più densa. Considera che la pasta cuocendo assorbirà un po’ di brodo, quindi se non ti piace fitta e cremosa, prima di tuffare la pasta unisci altra acqua calda fino ad arrivare quasi al bordo del tegame;
  11. mescola spesso durante la cottura con un cucchiaio di legno, e appena la pasta sarà cotta puoi togliere il tegame dal fuoco: la pasta e ceci alla romana è pronta;
  12. impiatta la minestra ben calda oppure, se siamo in estate, puoi lasciarla raffreddare e gustare tiepida.

 

CONSIGLI:

E’ importante non utilizzare l’acqua in cui i ceci sono stati in ammollo per 12 ore, perché carica di tossine rilasciate dai legumi stessi. Cambiando l’acqua inoltre i legumi risultano più digeribili, limitando anche quei fastidiosi effetti collaterali tipici dei legumi.

Se non hai tempo di mettere in ammollo i ceci secchi e di lessarli, puoi utilizzare quelli già prelessati. Ovviamente se scegli quest’ultimi, non dovrai tenere in considerazioni i tempi di lessatura e dovrai seguire la ricetta dalla cottura dei ceci in poi.

Farinata di ceci fatta in casa

La farinata di ceci genovese è una ricetta tradizionale della cucina cosiddetta “povera” che si prepara con soli tre ingredienti principali: farina di ceci, acqua e olio extravergine, a cui unire sale fino per insaporire. È un secondo piatto, ma può essere anche un antipasto facilissimo da preparare che puoi personalizzare aggiungendo ingredienti a te graditi. L’ideale sarebbe cuocerla con il forno a legna, ma, puoi provare a farla anche nel tuo forno; ti darò qualche piccolo trucco per riscaldarlo bene e per posizionare la teglia al meglio. Vedrai che non sarà un’impresa impossibile, ricorda solo di far riposare la farinata prima di cuocerla, è indispensabile.

PREPARAZIONE: riposo + 10‘

COTTURA: 15’

PORZIONI: 1 teglia da 30 cm.

DIFFICOLTÀ: bassa

COSTO: basso

 

INGREDIENTI:

  • 200 gr di farina di ceci
  • 600 ml d’acqua
  • 8 cucchiai di olio EVO
  • 2 pizzichi di sale

PREPARAZIONE:

  1. Metti in una grande ciotola la farina di ceci e inizia ad aggiungere acqua a poco a poco girando e mescolando con un cucchiaio o con una frusta a mano in modo che non si formino grumi;
  2. quando avrai aggiunto tutta l’acqua prevista dalla ricetta, copri la pastella per la farinata con un canovaccio pulito e lasciala riposare per un minimo di 5 ore ad un massimo di 8/9 ore;
  3. trascorso il tempo di riposo aggiungi il sale e mescola per far riprendere bene la pastella;
  4. metti l’olio extravergine di oliva in una teglia da 30 cm (la farinata deve venire sottile);
  5. versa la pastella e, con un cucchiaio di legno, mescola leggermente in modo che si formino tante goccioline di olio sulla superficie della pastella per la farinata;
  6. preriscalda il forno al massimo della temperatura possibile, statico e metti anche il grill;
  7. quando il forno sarà caldissimo, metti a cuocere la farinata e lasciala cuocere per circa 15 minuti, fino a che si formerà una crosticina dorata sopra;
  8. sforna la farinata e falla riposare qualche minuto prima di tagliarla.

 

VARIANTI E CONSIGLI:

Se vuoi, a fine cottura, puoi aggiungere stracchino o alla pastella per la farinata puoi aggiungere anche carciofi a fettine sottili, bianchetti o qualsiasi altra cosa ti piaccia. A me piace aggiungere carote, cipolle e zucchine tagliate a fette sottili.

Il forno deve essere alla massima temperatura, il mio arriva a 270°; se il tuo arriva ad una temperatura minore, probabilmente per cuocere la farinata ci vorrà più tempo.

Se usi una teglia di dimensioni diverse da 30 cm., dovrai fare la dose di pastella diminuita o aumentata in proporzione.

Ti sono piaciute le ricette? Ne hai qualcuna da condividere anche tu? Scrivimi! E continua a seguire il blog “Il Diario di Simona Serizzi”, troverai notizie anche su Alimentazione, Fitness  e  Benessere.

No Comments

Post A Comment